Depilazione del pube maschile, ecco gli errori da non commettere per una rasatura perfetta

Depilazione del pube maschile, ecco gli errori da non commettere per una rasatura perfetta

La depilazione può essere un’operazione utile sotto diversi punti di vista. Da un lato si può prendere in esame il fattore estetico, indubbiamente importante anche in un ambito più intimo, ma d’altra parte non va sottovalutato nemmeno il valore igienico che la depilazione del pube può rappresentare, anche per quanto riguarda l’uomo. I peli pubici, infatti, non sono soltanto un possibile fastidio dal punto di vista dell’estetica moderna, ma possono essere il luogo del corpo in cui si accumulano germi, batteri e cattivi odori. Nel momento dell’atto sessuale, inoltre, i peli crespi del pube possono procurare irritazioni e rossori non solo per se stessi, ma anche al o alla partner. Vediamo insieme in questo articolo sia quali sono i passi per procedere a una depilazione completa, anche attraverso l’impiego di un Rasoio per Corpo da Uomo, sia come evitare di arrivare a commettere errori grossolani, che potrebbero danneggiare le parti delicate che si vanno a trattare.

Preparare i peli del pube alla rasatura

Ci sono alcuni passaggi che è bene osservare, per prepararsi al meglio a un’operazione come la rasatura del pube, che può presentare delle difficoltà e deve essere eseguita in modo accurato e preciso, ma con la giusta dose di delicatezza. Proprio per questo, può essere utile cominciare con un ammorbidente, proprio come nel caso del viso, che può essere un olio da barba oppure un gel depilatorio. Questi prodotti vanno applicati dopo la fase di detersione, che è imprescindibile e andrebbe fatta impiegando dell’acqua calda, utile anche per aprire i pori e facilitare la depilazione. Dopo di che, si può sopperire all’irregolarità della zona inguinale per evitare arrossamenti e micro-traumi, con una semplice operazione che prevede che i peli vengano pettinati, a seconda della direzione naturale che assumono e di quella secondo la quale si procederà a rasarli.

Come procedere alla depilazione del pube maschile

Prima di prendere in mano il rasoio, è una buona idea quella di valutare se i peli pubici sono molto lunghi e folti, sia nel caso in cui sia la prima volta che si decide di rasarli, sia in quelle occasioni in cui è passato molto tempo dall’ultima rasatura e non basta una semplice sfoltita. In casi come questi, si può optare per un’accorciata iniziale, da eseguire con delle forbici professionali che siano molto affilate, prima di applicare il gel o la schiuma da barba. Così facendo, si può conseguire la lunghezza ideale per l’impiego del rasoio, che può essere un regola-barba oppure un rasoio monouso, da passare sui peli precedentemente solevati per facilitare la depilazione.

Mentre si usa un rasoio su una zona così delicata come il pube dell’uomo, non bisogna mai avere fretta, dal momento che occorre procedere con molta calma e un’attenzione estrema, applicando movimenti ponderati per far scorrere le lame sulla pelle senza procurare traumi. Se lo strumento impiegato lo permette, si può fare affidamento sul pettine regolatore eventualmente in dotazione, che dà la possibilità di mantenere un taglio lievemente più lungo, senza alcun bisogno di una depilazione a pelle, che può risultare più rischiosa. Iniziando dalla zona superiore del pube, quella verso la pancia, man mano che si procede verso il basso può essere una buona abitudine quella di ripulire l’area appena rasata, così da verificare immediatamente se può servire un secondo passaggio e, al contempo, rimuovere i peli già tagliati. L’area di pelle dello scroto, caratterizzata da parti molli e da molte terminazioni nervose, ha bisogno di essere distesa con l’aiuto delle dita, prestando moltissima attenzione e procedendo con calma. Terminata la rasatura, occorre risciacquare tutta l’area con acqua fredda, per chiudere i pori ed evitare le irritazioni, applicando infine una crema lenitiva.

Potrebbe interessarti anche...